CHE COSA SONO I PRESTITI AGRARI DI CONDUZIONE?

I prestiti agrari di conduzione sono prestiti specificamente rivolti dagli istituti di credito agli imprenditori agricoli. Servono per anticipare i capitali necessari per i costi degli strumenti produttivi in attesa del rendimento futuro derivante dalla vendita dei prodotti agricoli e zootecnici. Sono di durata breve (6, 12 o 18 mesi), in quanto per loro natura sono collegati allo svolgimento dei cicli produttivi stagionali.

IL BANDO DELLA REGIONE PIEMONTE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INTERESSI DEI PRESTITI AGRARI DI CONDUZIONE

La Regione Piemonte, anche per il 2019, ha aperto il bando per aiutare le P.M.I. (piccole e medie imprese) del settore agricolo a far fronte agli interessi dei prestiti agricoli di conduzione.

BENEFICIARI

Possono richiedere il finanziamento le piccole e medie imprese – esercitate da un singolo o fino a 5 imprenditori – con sede operativa in Piemonte,  in regola – o che possono regolarizzarsi – con i versamenti in materia di previdenza agricola, iscritte all’anagrafe agricola della Regione Piemonte e che abbiano già costituito il fascicolo aziendale.

LIMITI E CONDIZIONI PER OTTENERE IL FINANZIAMENTO

I prestiti di conduzione per cui è ammesso il finanziamento regionale devono essere di importo compreso tra 5.000 ed 80.000 € ed avere durata massima di un anno.

Il contributo regionale potrà essere pari all’1% dell’importo finanziato per le imprese collocate in zone di pianura o collina  dell’1,5% per quelle in zone montane. In entrambi i casi, la percentuale può aumentare fino allo 0,30%, se il prestito in questione è assistito da particolari garanzie o confidi.

Attenzione! Ai fini del calcolo della spesa finanziabile, il bando individua parametri economici specifici, prefissati per ciascuna produzione e moltiplicati per la consistenza dell’impresa desunta dai dati del fascicolo aziendale. In sostanza, per ogni coltura e/o allevamento, bisogna rientrare in uno specifico rapporto  €/ettaro coltivato o  €/U.B.A. (unità di bestiame adulto).

Vanno, inoltre,  rispettate le regole europee sugli aiuti di stato ad una sola impresa (c.d. “de minimis”).  Pertanto, il contributo non potrà superare in ogni caso i 20.000 €, aumentabili solo fino a 25.000 € previa decisione statale.

Per l’elaborazione della graduatoria la Regione darà la priorità agli imprenditori che hanno già ottenuto il medesimo contributo per il 2018 e ai giovani imprenditori che si siano insediati per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda e che abbiano ottenuto o richiesto il premio di insediamento.

TERMINE E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda va presentata in via telematica attraverso il  S.I.A.P. (Sistema Informativo Agricolo Piemontese) sul portale www.sistemapiemonte.it, sezione “Agricoltura”,  servizio “Finanziamenti, contributi e certificazioni”, sotto-area “Altri aiuti di stato e contributi regionali”. Deve essere presentata entro il 31 maggio 2019, autonomamente o attraverso l’assistenza dei CAA.

Link:

http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/lr-n-6378-art-50-programma-regionale-la-conduzione-aziendale-imprenditori-agricoli

APERTO IL BANDO DELLA REGIONE PIEMONTE A SOSTEGNO DEI PRESTITI DI CONDUZIONE DELLE PMI AGRICOLE
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *